Laudato si’..

Laudato si’, Signore mio,
Per il sole d’ogni giorno, che riscalda e dona vita,

egli illumina il cammino, di chi cerca te Signore.

Per la luna e per le stelle, io le sento mie sorelle,

le hai formate su nel cielo e le doni a chi è nel buio

Per la nostra madre terra, che ci dona fiori ed erba,

su di lei noi fatichiamo, per il pane d’ogni giorno.

Per chi soffre con coraggio, e perdona nel tuo amore,

Tu gli dai la pace tua, alla sera della vita.

Per la morte che è di tutti, io la sento ogni istante,

ma se vivo nel tuo amore, dona un senso alla mia vita.

Per l’amore che è nel mondo, tra una donna e l’uomo suo,

per la vita dei bambini che il mio mondo fanno nuovo.

Io ti canto mio Signore e con me la creazione

ti ringrazia umilmente perché tu sei il Signore.

Annunci

Preghiera indiana.. 

Amami ma non fermare le mie ali se vorrò volare..  non chiudermi in una gabbia per paura di perdermi ..amami con l’umile certezza del tuo Amore ed io non andrò più via… e se sarò in un cielo lontano ritroverò la strada del tuo pensiero…. e se sarai con me ti insegnerò a volare …. e tu mi insegnerai a restare. 
Amami … con ogni parte di te perché io possa appartenere all’anima e non al corpo quando ti abbraccerò o bacerò le tue forme… amami senza nascondere quella tenerezza che ti fa bambina sulle mie pupille e non vergognarti mai se ti dirò “Ti amo”…. amami qualunque sia l’aspetto che assumerà il nostro Amore o il luogo in cui ci scambieremo un altro sguardo.

Amami…. anche se ti sembrerà selvaggia la mia passione ed i miei modi a volte risulteranno bruschi o forti…. amami per quello che sono ed io ti seguirò lungo i passi della dolcezza… e proteggerò dal mondo la tua fragilità…. amami e accompagnerò ogni tuo gesto senza bisogno di parole….
Amami un po’ di più di quanto non chiederò al tuo cuore perché lo stesso farò io…. camminandoti accanto.
Amami…. e non guardare il mio aspetto trasandato o le mie forme che non sanno di bellezza … non indugiare sul colore dei miei occhi o su ciò che mi fa grande o piccolo o debole o forte…. amami per ciò che vedi ad occhi chiusi o per quello che senti quando resto in silenzio… nelle tue mani strette amami per questo e non per le cose che la gente dirà di me…. amami perché lo vivi il nostro Amore e non farne un bisogno per non sentirti sola e nemmeno per convincerti che sarà per sempre….
Amami ogni giorno come se davvero fosse unico ma non l’ultimo… solo così ogni volta conoscerai la mia bellezza.”

Si t’o sapessi dicere.. 

Ah… si putesse dicere
chello c’ ‘o core dice;
quanto sarria felice
si t’ ‘o sapesse dì!

E si putisse sèntere
chello c’ ‘o core sente,
dicisse: «Eternamente
voglio restà cu te!»

Ma ‘o core sape scrivere?
‘O core è analfabeta,
è comm’a nu pùeta
ca nun sape cantà.

Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…
nu punto ammirativo…
mette nu congiuntivo
addò nun nce ‘adda stà…

E tu c’ ‘o staje a ssèntere
te mbruoglie appriess’ a isso,
comme succede spisso…
E addio fìelicità!

Eduardo De Filippo