La leggenda di Amore e Psiche…

Quella tra Amore e Psiche è una delle leggende d’amore più belle di sempre. A scriverla fu, nel II Secolo d.C, lo scrittore latino Apuleio nelle sue “Metamorfosi”. Metafora dell’eterna battaglia tra razionalità e istinto, tra cuore e cervello, la leggenda racconta la storia del Dio Amore (Cupido) e della bellissima Psiche.

LA LEGGENDA – “Vi erano in una città un re e una regina. Questi avevano tre bellissime figliole. Ma le due più grandi, quantunque di aspetto leggiadrissimo, pure era possibile celebrarle degnamente con parole umane; mentre la splendida bellezza della minore non si poteva descrivere, e non esistevano parole per lodarla adeguatamente”. Inizia così la leggenda che narra la storia di Amore e Psiche. Psiche era bellissima, la sua grazia e il suo splendore erano tali da attirare le invidie di Venere (Dea della bellezza) che, per vendicarsi, decise di chiedere aiuto a suo figlio Amore (Cupido). L’invidiosa dea chiese a suo figlio di colpire Psiche con una delle sue infallibili frecce e di farla innamorare dell’uomo più brutto della terra. Amore accettò ma, una volta arrivato di fronte alla fanciulla, rimase così incantato dalla sua bellezza da distrarsi al punto che una delle sue frecce lo colpì, facendolo innamorare perdutamente della splendida fanciulla.

Annunci

È Natale…

Buonasera, pensavo a quante persone saranno in viaggio per raggiungere le proprie famiglie. Eh si, Natale è famiglia, voglia di condividere ricordi insieme. E poi, l’affanno per preparare i piatti natalizi, dolci e la sera della Vigilia riunirsi intorno ad un tavolo, magari stretti ma nessuno deve mancare. E gli affetti che ci hanno lasciato sono, per magia, ancora con noi, seduti intorno a quel tavolo. Natale è la festa più sentita dell’anno gioia e tristezza si uniscono. Si sorride, a volte, con le lacrime agli occhi… chi non ha ricordi!

E poi, c’è chi aspetta un regalo, un regalo particolare, senza fiocchi e carta colorata… il ritorno di un figlio lontano, di un amore perduto…

Natale è magia… un bambino nascerà e si chiamerà Gesù. Prepariamo il nostro cuore ad accogliere il Salvatore del Mondo e, lasciamo che l’amore illumini il cammino di tutti.

Con l’affetto di sempre… auguro a tutti un sereno Natale di pace e di amore! Lady💕

Scusate, sapete l’amore cos’è?

L’amore è una cosa / che odora di rosa / ma rosa non è. / Indovina cos’è.

E’ rosa? E Scusate, sapete perchè?

E’ rosa il colore / che serve per l’amore; / l’amore non c’è / se rosa non è.

L’odore che centra se rosa non è?

Perchè a Maggio/ si prende coraggio, sentendo l’odore / ti nasce l’amore. /

A Maggio soltanto? E sapete perchè?

E’ Maggio per un anno / per quelli che lo sanno / per chi non vuole bene / questo

mese non viene.

E senza l’odore l’amore non c’è.

Non c’è perchè l’amore / è forte dolore / che sembra una cosa / che odora di rosa.

EDUARDO DE FILIPPO

Carta, penna e… anima!

Buonasera a tutti… e questa sera parliamo di… noi! Perchè, ad esempio, ci troviamo su questo blog a scrivere? Rispondetemi se volete, io vi descriverò le mie sensazioni ed emozioni. A scuola io era quella dei temi con tracce letterarie o umanitarie. Il foglio protocollo si piegava a metà e a me non bastava mai, dovevo sempre aggiungerne un altro. Scrivere un tema era rilassante, scrivevo ciò che sentivo e, anche se dovevo parlare, ad esempio, di D’Annunzio, io inserivo sempre le sensazioni che provavo leggendo una sua poesia. Al liceo c’era l’insegnante che mi consigliava di iscrivermi a Giurisprudenza e chi, invece, mi suggeriva di iscrivermi a Giornalismo. Seguii, invece, un altro indirizzo universitario, ma la vena letteraria è sempre rimasta. Scrivere è, per me, esternare ciò sento nell’anima. Cosa che, non sempre, mi riesce parlando. Ad esempio, se dovessi descrivere l’amore per un uomo, parlando non riuscirei a farlo. Vi devo confidare un segreto. È vero, la mia mano scrive… ma è la mia anima che detta le parole. Osservo in profondità ciò che vedo, cerco sempre di andare oltre le apparenze… e poi, carta e penna… scrivo quello che ho provato.

Facciamo una prova… che ne dite? Provo a descrivere l’amore, quello vero…quando scopri di essere innamorata, ci pensi e la prima cosa che fai è sorridere… un po’ come una mamma che scopre di aspettare un bambino. Accarezzi quel pensiero, non vedi l’ora di vedere i suoi occhi nei tuoi, le sue labbra sulle tue, la sua pelle sulla tua. L’amore cresce nell’anima, proprio come quel bimbo nel ventre della mamma. Ti senti in uno stato di grazia, pensi “avrà mangiato? Avrà riposato abbastanza?” Gli confezioni a mano un pullover di lana, del colore del mare e pensi che quando lo indosserà sarà come se ti tenesse sul cuore. Sorrisi tenendo tra le mani quel braccialetto con il suo nome ed il tuo… come fosse un intreccio di pensieri profondi. E… quando sei tra le sue braccia… i cuori battono insieme con lo stesso ritmo. E… questa sono io, eterna sognatrice in un mondo dove, a volte, i sogni vengono trafitti da crude realtà. Ma, se leggendo ti sei emozionato, vuol dire che oltre al mio cuore e la mia anima… esisti tu che mi senti nella tua anima.

Con l’affetto di sempre… Lady💕

Buonanotte a…

Buonanotte a chi è solo e dormirà con un piccola luce accesa per paura del buio…

Buonanotte agli ammalati, a chi domani dovrà sottoporsi a cure pesanti e dolorose…

Buonanotte a tutte le mamme che, stanotte, stringeranno tra le braccia, per la prima volta, il loro bambino…

Buonanotte agli anziani che dormono sempre poco…

Buonanotte a tutti i bambini del mondo, che possano svegliarsi con un sorriso tra mamma e papà…

E… buonanotte a te, che non conosco ma che se mi leggi… meriti un saluto da parte mia…

Buonanotte, infine, al mondo intero… che il buio sia una luce spenta che per tutti, domani, si riaccenderà!

A te… un bacio! Con l’affetto di sempre… Lady💕